LA TEORIA DELLA CIVILTÀ DI HERMAN WIRTH

di Alexander Dugin

Il circolo culturale di Thule

L’idea di Bachofen di un matriarcato primordiale e la sua teoria dei “circoli culturali” sono state sviluppate da un altro storico e archeologo, uno specialista in paleo-epigrafia, Herman Wirth (1885-1981).

Le teorie di Wirth si basano sull’ipotesi presa in prestito dall’autore indiano Bala Gandhara Tilak (1856-1920) [1], che la civiltà originaria proto-indoeuropea si formò nel tardo Paleolitico (la cultura aurignaziana) nelle terre del circolo polare nordico. Questa ipotesi si basava sull’interpretazione dei dati dell’astrologia indiana, dei testi vedici e dei miti indù, iraniani e greci che parlano dell’esistenza nell’antichità remota di un paese popolato nell’estremo nord (Hyperborea). Questo continente era descritto nei Veda come “la terra del cinghiale bianco”, Varahi e “l’isola della luce”, o Sweta Dvipa. La tradizione zoroastriana parla dell’antica dimora del primo uomo, la città di Vara, situata nell’estremo nord, da cui fu costretto a scendere verso sud perché la divinità oscura Angra Mainyu, il nemico del dio della luce, Ahura-Mazda, scatenò un “gran freddo” su queste terre. Tilak sostiene l’esistenza di questa proto-civilizzazione “nordica” sulla base dell’astrologia indiana, il cui simbolismo, secondo Tilak, diventa chiaro solo se accettiamo che le costellazioni erano originariamente osservate nelle regioni circumpolari, dove il giorno degli dei è uguale all’anno degli uomini.

Wirth adottò questa ipotesi e costruì la sua teoria su di essa, la “teoria iperborea” [2] o la teoria del “circolo culturale di Thule” [3], che rappresenta il nome greco della mitica città situata nel paese degli Iperboreani. Secondo questa teoria, prima dell’ultima ondata di raffreddamento globale, la zona circumpolare nell’Oceano Atlantico settentrionale ospitava terre abitabili i cui abitanti erano i creatori di un codice culturale primordiale. Questa cultura si formò in condizioni in cui l’ambiente naturale dell’Artico non era ancora così rigido e quando il suo clima era simile al clima temperato dell’Europa centrale moderno. C’erano presenti tutti i fenomeni annuali e atmosferici che possono essere osservati nell’Artico oggi: il giorno dell’Artico e la notte dell’Artico. I cicli solari e lunari annuali dell’Artico sono strutturati in modo diverso rispetto alle loro controparti alle medie latitudini. Pertanto, le fissazioni simboliche del calendario, la traiettoria del sole, la luna e le costellazioni dello zodiaco avevano necessariamente una forma diversa e schemi diversi.

Sulla base di un’enorme quantità di materiale archeologico, paleo-epigrafico (pitture rupestri, simboli paleolitici, antiche incisioni, ecc.), mitologico e filologico, Herman Wirth intraprese un tentativo di ricostruire il sistema primordiale del codice culturale di questa proto-civiltà artica. Al suo cuore, mise il proto-calendario ricostruito, le cui ultime tracce Wirth ha creduto essere costituite dalle rune scandinave, che ha attribuito alla remota antichità. Wirth ha proposto di esaminare questo calendario, che registra i momenti chiave dell’anno artico, come la chiave di tutte le versioni successive dei patrimoni mitologici, religiosi, rituali, artistici e filosofici che hanno continuato e sviluppato questo algoritmo primordiale nel corso delle migrazioni ad onda dei portatori della “cultura thuleana” nelle regioni meridionali. Quando applicati ad altre condizioni climatiche, tuttavia, molti dei modelli simbolici di questo calendario, altrimenti chiari nell’Artico, hanno perso il loro significato e la loro logica. Sono stati parzialmente trasferiti in nuove realtà, parzialmente congelati come reliquie ed in parte hanno perso il loro significato o ne hanno acquisito di nuovi.

Innanzitutto, questo cambiamento ha comportato una comprensione fondamentalmente nuova dell’unità base di tempo: al posto del giorno iperboreano, pari a un anno, il cerchio quotidiano, che è molto più chiaramente definito nelle regioni a sud del cerchio polare, divenne la misura degli eventi della vita umana. Inoltre, i punti di localizzazione degli equinozi di primavera ed autunno cambiarono rispetto al movimento verso sud. Tutto questo ha gradualmente confuso la chiarezza cristallina e la semplicità della matrice primordiale.

Wirth credeva che la sua ricostruzione del complesso sacro della cultura di Thule fosse al centro di tutti i tipi storici di scrittura e lingua, così come i toni musicali, il simbolismo dei colori, i gesti rituali, le sepolture, i complessi religiosi, ecc.

Lo studio di questa cultura ha costituito la base dei tentativi di Wirth di ricostruire ciò che ha definito “proto-scrittura” o “proto-script” dell’umanità. Wirth ha pubblicato i risultati dei suoi studi in due opere monumentali, Der Aufgang der Menschheit (The Emergence of Mankind) [4] e Die Heilige Urschrift der Menschheit (The Sacred Proto-Script of Mankind) [5], entrambi dotati di un enorme lotto di tavole sinottiche, illustrazioni comparative di scavi archeologici, sistemi di scrittura, ecc.

Matriarcato nordico

Wirth ha abbracciato la nozione di matriarcato primordiale di Bachofen ed ha attribuito alla “cultura di Thule” una forma di civiltà matriarcale. Ha suggerito che la credenza che il genere femminile sia incline alla materialità, alla corporeità, alla ctonità e alle specificità empiriche è puramente un prodotto della censura patriarcale e che il matriarcato potrebbe essere non meno, in realtà un fenomeno perfino più spirituale del patriarcato. Wirth credeva che le società dominate da donne e sacerdoti, religioni e culti femminili rappresentassero i tipi più avanzati di cultura iperborea, che definì la “cultura delle donne bianche” (weisse Frauen).

Wirth ha quindi presentato una visione del tutto particolare sulla relazione tra matriarcato e patriarcato nella cultura arcaica della regione mediterranea. Secondo il suo punto di vista, le forme di cultura più antiche del Mediterraneo erano quelle stabilite dai portatori del matriarcato iperboreano, che in varie fasi discesero dalle regioni circumpolari, dal Nord Atlantico, dal mare (e navi con quadrifogli sulla poppa erano loro caratteristiche). Queste erano i popoli menzionati negli antichi manufatti del Vicino Oriente come “popoli del mare”, o am-uru, da cui il nome etnico degli Amorei. Il nome Mo-uru, secondo Wirth, un tempo apparteneva al centro principale degli Iperborei, ma fu trasmesso insieme ai nativi del Nord nelle loro ondate migratorie verso nuovi centri sacri. È a queste onde che dobbiamo il sumero, l’accadico, l’egiziano (la cui scrittura pre-dinastica era lineare), le culture ittita-hurrita, minoica, micenea e pelasgiana. Tutti questi strati iperborei erano strutturati attorno alla figura della Sacerdotessa Bianca.

Il patriarcato, secondo Wirth, fu portato da immigrati dall’Asia, dalle zone steppiche di Turan, che distorcevano la primordiale tradizione iperborea e si imposero sulle molto diverse culture mediterranee – valori rudi, violenti, aggressivi e utilitaristici che contrastavano (in peggio) le pure forme spirituali del matriarcato nordico.

Così, in Wirth abbiamo la seguente ricostruzione: il tipo primordiale, spirituale e altamente sviluppato della cultura matriarcale del circolo culturale iperboreo si è diffuso da un centro circumpolare, principalmente mare, penetrando nel Mediterraneo, raschiando l’Africa e raggiungendo anche la costa meridionale dell’Asia fino alla Polinesia, dove la cultura Maori conserva ancora tracce dell’antica tradizione artica. Un’altra propaggine del centro di Mo-uru nel Nord Atlantico migrò nel Nord America, dove pose le basi del codice culturale di molte tribù. Uno degli impegni di Wirth era di dimostrare un’omologia tra questi due rami che si disperdevano dalla cultura di Thule – l’Europa e il Mediterraneo e più oltre l’Africa e il Pacifico da un lato, il Nord-americano dall’altro [6].

Nel frattempo, nell’Asia continentale si formò un polo culturale che rappresentava l’embrione del proto-patriarcato. Wirth associava questa cultura a naturalismo crudo, culti fallici e un tipo di cultura marziale, aggressiva e utilitaristica, che Wirth riteneva essere inferiore e asiatica. Abbiamo dedicato un intero volume separato a una descrizione più dettagliata delle opinioni di Herman Wirth. [7]

Il significato delle idee di Wirth in geosofia

Molti aspetti delle opere ingiustamente dimenticate di Herman Wirth riservano attenzione allo studio dell’antropologia plurale. Prima di tutto, la sua ipotesi estremamente feconda del circolo culturale di Thule, che di solito viene scartata fin dall’inizio senza un’attenta analisi della sua argomentazione, è così ricca che merita seria attenzione in sé. Se una tale ipotesi consente la risoluzione di così tanti problemi storici e archeologici associati alla storia dei simboli, segni, miti, rituali, geroglifici, il calendario, la scrittura e le più antiche visioni della struttura dello spazio e del tempo, allora questo da solo è sufficiente per garantire un’indagine approfondita. Anche se le opere di Wirth contengono molte affermazioni che sembrano inequivocabilmente sbagliate o molto controverse, possiamo metterle da parte e cercare di capire l’essenza della sua teoria che, a nostro avviso, è una versione straordinariamente costruttiva che amplia la nostra comprensione delle epoche arcaiche dell’antica storia dell’umanità. La teoria del circolo culturale di Thule non ha bisogno di essere accettata incondizionatamente, ma è necessaria una valutazione del suo potenziale interpretativo.

In secondo luogo, la valutazione positiva di Wirth sul matriarcato è estremamente interessante e aggiunge peso alla simpatia per Bachofen. In effetti, abbiamo a che fare con un’interpretazione di una civiltà matriarcale condizionatamente ricostruita dalla posizione di quello che è il patriarcato, almeno il più nominale, a cui la nostra società si è abituata. Wirth propone un’interpretazione alternativa del Logos femminile, un tentativo di vedere il Logos della Grande Madre attraverso occhi diversi. Anche questa è una proposta estremamente anticonvenzionale e fertile.

Terzo, nelle teorie di Wirth possiamo vedere chiari analoghi alle ricostruzioni sia di Spengler che di Frobenius. Se Frobenius e, in particolare, Spengler si schieravano dalla parte della cultura indo-europea (turaniana, euroasiatica), cioè dal lato del patriarcato mentre lo interpretavano, Wirth propone di guardare le cose dal punto di vista della civiltà delle Donne Bianche, cioè, dalla posizione della primordiale cultura mediterranea che ha preceduto l’invasione del “popolo sui carri da guerra”.

NOTE:
[1] Tilak, B.G., Arkticheskaiia rodina v Vedakh (Moscow: FAIR-PRESS, 2001). In inglese: Tilak, B.G., The Arctic Home in the Vedas: Being Also a New Key to the Interpretation of Many Vedic Texts and Legends (Poona City: Tilak Bros, 1903).

[2] Dugin, A.G., Znaki Velikogo Norda: Giperboreiskaiia Teoriia (Moscow: Veche, 2008). La traduzione in inglese dell’introduzione è disponibile qui.

[3] Wirth, H., Khronika Ura-Linda. Drevneishaiia istoriia Evropy (Moscow: Veche, 2007). In tedesco: Wirth, Herman. Die Ura-Linda Chronik (Leipzig: Koehler & Amelang, 1933).

[4] Wirth, H., Der Aufgang der Menschheit. Forschungen zur Geschichte der Religion, Symbolik und Schrift der atlantisch-nordischen Rasse (Jena: Diederichs, 1928).

[5] Wirth, H., Die Heilige Urschrift der Menschheit. Symbolgeschichtliche Untersuchungen diesseits und jenseits des Nordatlantik (Leipzig: Koehler & Amelang, 1936).

[6] Il titolo completo del Die Heilige Urschrift der Menschheit di Wirth specifica “su entrambe le sponde del Nord Atlantico.” Vedi nota 5.

[7] Vedi nota 2.
Traduttore: Jafe Arnold
Capitolo 22 della Parte 2, “Teorie delle civiltà: criteri, concetti e corrispondenze”, di Noomachia: Guerre della mente – Geosofia – Orizzonti e civiltà (Moscow, Akademicheskii Proekt, 2017).


Articolo originale di Alexander Dugin:
https://www.geopolitica.ru/en/article/herman-wirths-theory-civilization
Traduzione italiana di Costantino Ceoldo – Pravda freelance

Liberamente tratto da: Geopolitica.ru

Herman Wirth

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: