Alain de Benoist: “In Ucraina scontro tra logica imperiale e Stato-Nazione”

Per il filosofo francese la guerra nell’Est Europa “è prima di tutto un conflitto tra Occidente e Oriente, tra il mondo liberale e quello degli “spazi di civiltà”, tra Terra e Mare. L’Occidente costruirà una nuova cortina di ferra con la Russia”

Breizh-info.com: Innanzitutto, Alain de Benoist, cosa ti fa pensare la visita di Gérald Darmanin in Corsica e l’evocazione di una possibile autonomia per la Corsica?

Alain de Benoist: “Si potrebbe parlare di “sorpresa divina” se non ci fossero alcuni motivi per dubitare. Prima di tutto, è un modo divertente di procedere, vale a dire che sei pronto a “andare fino all’autonomia” prima ancora che inizino le trattative. In generale, l’esito della discussione non viene messo sul tavolo fino a quando la discussione non è iniziata. Suona come un’ammissione di debolezza, a meno che non sia vista come un gesto demagogico o una semplice manovra elettorale. Il problema si pone a maggior ragione in quanto la posizione di Darmanin rappresenta un completo capovolgimento da parte di un governo che da cinque anni rifiuta di dare il minimo seguito a tutte le richieste politiche avanzate dalla Corsica. Ricordiamo che nel febbraio 2018, quando si recò lui stesso in Corsica, Emmanuel Macron si oppose al solo riconoscimento  della “natura politica della questione corsa”. Questo semplice promemoria giustifica lo scetticismo.

Allora dobbiamo sapere cosa intende Darmanin per “autonomia”. La parola può coprire cose molto diverse. Quindi aspettiamo e vediamo cosa mettono gli amici di Emmanuel Macron sotto quel termine. Quale autonomia? In quali aree? Con quali mezzi? La domanda chiave è questa: il governo è pronto a riconoscere l’esistenza di un “popolo corso”, una richiesta fondamentale per tutti gli autonomisti? È noto che la Costituzione si oppone, poiché vuole conoscere una sola nazione “una e indivisibile” nella pura tradizione giacobina. E se si riconosceva straordinariamente l’esistenza di un popolo corso, come poteva opporsi al riconoscimento, ad esempio, del popolo bretone? Come negare ancora che esistano sia un popolo francese che un popolo francese che, se lo desiderano, dovrebbero anche, almeno secondo me, poter accedere anche all’«autonomia». Ma non vedo il governo impegnarsi in questo pendio scivoloso. Sarebbe troppo bello!”.

Breizh-info.com: Dai progetti suburbani all’autonomia della Corsica fino all’abbandono di Notre-Dame des Landes (aeroporto), le autorità non dimostrano che, alla fine, solo la violenza può stabilire un equilibrio di potere e rendere progressi con queste stesse autorità?

Alain de Benoist: “Domanda ingenua. C’è solo la borghesia liberale a immaginare che tutti i problemi politici possano essere risolti ironicamente senza che una volta o l’altra insorga la violenza. La politica è prima di tutto un equilibrio di potere. Quando le circostanze lo consentono, c’è un aumento degli estremi che non possono essere risolti dalle virtù della “discussione”, della “negoziazione” o del “compromesso”. Inoltre, potrebbe esserci anche un momento in cui le autorità al potere perdono la loro legittimità. La dissociazione di legalità e legittimità ha l’effetto che è la contestazione violenta che può poi diventare legittima.

I Gilet Gialli, come i camionisti più recentemente, hanno iniziato a farsi sentire solo quando sono scesi in strada per protestare in modo un po’ muscoloso. Lo stesso vale per gli autonomisti corsi. La decolonizzazione è stata acquisita attraverso la violenza. Senza l’uso del terrorismo da parte dell’FLN, l’Algeria avrebbe potuto non essere indipendente (o solo molto tempo dopo). C’è chi si pente, ma è così. Georges Sorel ha opposto la violenza sociale, legittima ai suoi occhi, alla mera legalità delle forze dell’ordine. Non aveva torto. Evitiamo la violenza quando può essere evitata, ma smettiamo di credere che possa essere rimossa definitivamente dalla vita politica. Anche le guerre sono cose molto spiacevoli, ma ce ne saranno sempre alcune!”.

Breizh-info.com: Cosa ne pensi della campagna presidenziale, che alla fine non ha precedenti, dal momento che gli elettori sono privati ​​dei dibattiti tra candidati che guidano ciascuno una campagna principalmente nelle rispettive sfere? Ancora una volta, è questo un segno di una democrazia malata?

Alain de Benoist: “Secondo me, ci sono segnali molto più forti della crisi diffusa delle democrazie liberali di questa mancanza di dibattito tra i candidati alla presidenza! A proposito, stai un po’ esagerando: c’erano ancora alcuni dibattiti, ma è chiaro che non interessavano a molte persone. Generalmente si riducono a uno scambio di invettive e processi intenzionali che non fanno andare avanti le cose.

La grande caratteristica delle prossime elezioni presidenziali è che, se dobbiamo credere ai sondaggi, i giochi sono già fissati: Emmanuel Macron sarà rieletto. Questo è ciò che pensa la maggioranza dei francesi, anche se anche la maggioranza sembra desiderare che non sia così. Interessante paradosso. Il risultato è un disinteresse che suggerisce, salvo eventi dell’ultimo minuto, un’astensione molto forte che penalizzerà alcuni candidati più di altri.

Lo scorso ottobre, in una precedente intervista, vi avevo detto che “sarebbe sbagliato seppellire Marine Le Pen”. Era un momento in cui tutti scommettevano sul suo crollo a favore di Eric Zemmour. Ho anche sottolineato che ciò che essenzialmente separava Marine Le Pen ed Eric Zemmour non erano tanto la loro personalità o le loro idee quanto i loro elettorati (classi lavoratrici o media borghesia radicalizzata) e le loro strategie (“blocco popolare” o “unione dei diritti”). Questo è stato confermato. Zemmour ha finora fallito nella sua ambizione. Il suo elettorato è instabile, e rimane all’incirca al livello di Pécresse, che è in calo, e di Mélenchon, che è in salita. Chi ha scommesso sul suo successo credeva che Marine Le Pen avrebbe fallito perché il suo partito se la passa male (il che è corretto) senza vedere che i suoi elettori sono molto poco interessati al partito in questione: votano Marine, non il Rassemblement Nazional! Quanto ai comizi di Zemmour, a cominciare da quello tenuto con Marion Maréchal, non hanno, come mi aspettavo, cambiato assolutamente nulla nelle intenzioni di voto. Rimane il fatto fondamentale: l’elettorato di Zemmour è un elettorato anti-immigrazione, quello di Marine Le Pen è un elettorato anti-Sistema. Questo dovrà essere ricordato quando arriverà il momento della ricomposizione”.

Breizh-info.com: La situazione internazionale, dopo due anni della cosiddetta crisi del Covid 19, inizia già ad avere gravi ripercussioni economiche. Per il momento, lo Stato sta tirando fuori il libretto degli assegni per cercare di tappare i buchi della crisi. Pensi che questo sia sostenibile a lungo termine? Chi pagherà?

Alain de Benoist: “Secondo te? Io e te, ovviamente, non gli ucraini! Le ripercussioni economiche sono già qui e le cose possono solo peggiorare. Le squallide sanzioni, di portata senza precedenti, che sono state decretate contro la Russia per soddisfare le richieste americane, peggioreranno le cose. Pagheremo il prezzo tanto quanto i russi, se non di più. L’inflazione (materie prime, combustibili, gas, elettricità) aggraverà il calo del potere d’acquisto, che è ormai la prima preoccupazione dei francesi. Uno squilibrio più generale è da temere nel contesto di una crisi finanziaria mondiale strisciante (e di una possibile revisione del sistema monetario). Nel frattempo, il debito pubblico continua a crescere fino a raggiungere le vette himalayane. È sostenibile a lungo termine? Senza dubbio no. Ma quando inizia il lungo periodo?”.

Breizh-info.com: Il sogno di un’Europa unita da Brest a Vladivostock è morto con la guerra tra Ucraina e Russia?

Alain de Benoist: “È tanto più morto perché non ha mai conosciuto il minimo inizio di realizzazione. Lo stesso vale per l’asse Parigi-Berlino-Mosca, che anche alcuni di noi hanno sognato. La prima conseguenza della guerra che si sta svolgendo in questo momento è la ricostruzione della cortina di ferro, con la differenza che si tratta di una cortina di ferro eretta ai confini della Russia dall’Occidente, nella speranza di mettere la museruola a un concorrente considerato pericoloso, e non una cortina di ferro eretta dai sovietici per impedire alle persone di andare altrove. Il diluvio di propaganda russofoba a cui stiamo assistendo in questo momento è significativo da questo punto di vista. Il grande continente eurasiatico è di nuovo tagliato in due – che ha solo il merito di chiarire le cose.

Quello che dobbiamo vedere, in attesa di poter fare un’analisi più completa, è che la guerra tra Ucraina e Russia non è solo, o anche principalmente, una guerra tra due paesi. Né è uno scontro tra il nazionalismo ucraino e il nazionalismo russo, come molti vorrebbero far credere. È prima di tutto una guerra tra la logica dell’Impero e quella dello Stato-nazione. È quindi, più globalmente, una guerra tra Occidente e Oriente, tra il mondo liberale e quello degli “spazi di civiltà”, tra Terra e Mare”.

Liberamente tratto da: Barbadillo.it

Alain de Benoist: “In Ucraina scontro tra logica imperiale e Stato-Nazione”

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: