L’attenzione dei bambini di oggi

di Carlo Brevi

Un bimbo piccolo nel passeggino totalmente assorto dal cellulare che tiene in mano: questa è l’immagine che più di ogni altra rappresenta l’essenza profonda del tempo che stiamo vivendo, in questo preciso istante.

Mettendo da parte per un momento ogni discorso etico o morale sull’opportunità dell’uso della tecnologia da parte dei piccolissimi, resta un fatto indiscutibile: messo di fronte alla possibilità di scegliere, l’infante vedrà quell’apparecchio come l’oggetto che più è in grado di attirare la sua attenzione.

Inutile ovviamente aggiungere che la stessa predilizione si riscontra anche da parte degli adulti: quello che però nel caso degli infanti genera riflessioni ancora più profonde nasce dal fatto che per i più piccoli ogni aspetto del mondo è una novità, e di conseguenza un potenziale spettacolo.

Eppure, di fronte ad uno spettacolo così vasto, il mondo virtuale vince a mani basse nel momento in cui possono decidere da soli sul dove concentrare la loro attenzione.

Ora, uno degli argomenti centrali del nostro tempo è lo studio del modo in cui il progresso della tecnologia abbia non solo mutato, ma stravolto le nostre abitudini.

Ma questo studio, essenziale, spesso trascura un aspetto altrettanto importante, che viene ancor prima: la tecnologia infatti ci ha cambiati, ma questo progresso non è piovuto dal cielo, all’improvviso.

E’ stata l’inventiva umana che da decenni non ha fatto altro che ingegnarsi per raggiungere questo obbiettivo, ovvero la creazione del mondo virtuale e dei dispositivi da cui usufruirne.

Non sono stati internet e gli smartphone a generare una mutazione delle abitudini umane: al contrario, essi sono il risultato di ciò che gli uomini hanno sempre desiderato avere tra le mani.

La loro diffusione immediata, istantanea e totalizzante, il loro imporsi nell’uso quotidiano di tutti, a prescindere dall’età, dall’istruzione e dal ceto sociale, testimoniano in maniera eclatante il fatto che l’umanità non aspettava altro da millenni che il possedere tali strumenti.

La vera domanda è quindi la seguente: perchè gli uomini bramavano con tale foga la creazione e l’accesso immediato ad un mondo virtuale?

Qui la questione si fa ulterioremente complessa.

Basterà osservare di sfuggita che l’essenza profonda dell’universo virtuale è affine alla metafisica, ne rappresenta infatti una parodia semplificata, accessibile e immediata.

Una fuga dal mondo, un togliere lo sguardo da una realtà che genera in maggior parte dolore e fatica.

Ne consegue la creazione di un mondo altro, epurato da tutto ciò che è sofferenza.

Il mondo dei cieli riflesso, ribaltato, fatto piccolo e accessibile, racchiuso dentro uno specchio.

E’ come se l’umanità non cercasse altro, da secoli.

L'attenzione dei bambini di oggi
L’attenzione dei bambini di oggi

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: