L’ANTICA DIPENDENZA TRA DUE MONDI SPECULARI

di Aria Shu

COME IL MONDO SOTTERRANEO DEI MORTI NASCE, SI EVOLVE E SI STRUTTURA IN BASE ALLE VICENDE DEL MONDO DEI VIVI.

Nell’antica Grecia, l’oltretomba del poeta Omero era considerato come un vero e proprio luogo fisico, dove i defunti non erano distinti in anime buone e malvagie e non ricevevano premi o punizioni, ma tutti condividevano la stessa sorte. Solo dal IV secolo a.C., si sviluppò l’idea che, sulla base del comportamento morale tenuto nella vita terrena, venissero assegnate ai morti determinate aree dell’Ade. Un esempio è l’opera l’Eneide, scritta dal poeta latino Virgilio, ossia il primo grande “MANUALE TURISTICO” dell’Aldilà, le cui entrate agli inferi venivano indicate vicino alle attività vulcaniche, come in Campania presso il Vesuvio, e in Sicilia vicino all’Etna. Nel testo, una volta superato l’ingresso dell’Ade, e la zona dei morti “anzitempo” (cioè morti prima del tempo), si arrivava ad una strada che a sua volta si diramava e portava da una parte all’ELISEO e dall’altra al TARTARO. La prima sede citata era il luogo delle caste sacerdotali, dei veggenti, eroi di guerra e persone meritevoli con capacità di prevedere il futuro e REINCARNARSI in un nuovo corpo. Mentre l’altro luogo vi andavano i defunti che in vita si erano macchiati di ingiustizie o CRUDELTA’. Le cattiverie punite negli inferi hanno una stretta parentela con quelle delle condanne degli antichi Romani, come la legge delle XII tavole che proibiva di ingannare la fiducia di qualcuno; o la legge Iulia de adulteriis che dava la facoltà al marito di uccidere la moglie e il suo amante colti in flagrante delitto di adulterio. Non c’è da stupirsi quindi se negli inferi dei poeti troviamo le persone condannate anche nella vita terrena. D’altro canto, come in Grecia anche a Roma, molti filosofi ed intellettuali dubitavano dell’esistenza del mondo dei morti. Ad esempio per il poeta Lucrezio non ci sono degli inferi soprannaturali o miti infernali da temere, poiché sono stati creati dalle religioni che ALIMENTANO inutilmente la paura. Il vero INFERNO È QUI, sulla terra, fatto di angosce e paure molto spesso inseparabili dalla vita.

Fonte: www.mondidiaria.com/credenzediaria

L’ANTICA DIPENDENZA TRA DUE MONDI SPECULARI
L’ANTICA DIPENDENZA TRA DUE MONDI SPECULARI

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: