Il mito della globalità

di Shannon O’Neil

Perché i legami interregionali dominano ancora quelli globali?

Un ritornello costante e ampiamente innegabile in politica estera è che il mondo si è globalizzato. Gli armadi sono pieni di vestiti cuciti in altri Paesi; l’elettronica e le automobili sono spesso assemblate lontano dal luogo di residenza dei consumatori. Gli investimenti americani confluiscono nei mercati asiatici e gli indiani si recano negli Stati Uniti per ricevere un’istruzione superiore. Le cifre mostrano l’entità degli scambi internazionali. Il commercio tra tutti i Paesi si aggira intorno ai 20.000 miliardi di dollari, quasi dieci volte quello del 1980. Anche i flussi di capitale internazionali sono cresciuti in modo esponenziale in questo periodo, passando da 500 miliardi di dollari all’anno a più di 4.000 miliardi. E il numero di persone che attraversano le frontiere è quasi quintuplicato rispetto a quattro decenni fa.

Tuttavia, non è corretto affermare che questo flusso di beni, servizi e persone sia sempre di portata globale. La globalizzazione, così come viene solitamente intesa, è in gran parte un mito; la realtà è molto più vicina alla regionalizzazione. Quando le aziende, le catene di approvvigionamento e gli individui vanno all’estero, non vanno da nessuna parte. Il più delle volte, rimangono piuttosto vicini a casa.

Pensate al commercio. Se le lunghe distanze non influissero sulle vendite internazionali, il viaggio tipico per un determinato acquisto sarebbe di circa 5.300 miglia (la distanza media tra due Paesi scelti a caso). Invece, la metà di ciò che viene venduto all’estero viaggia per meno di 3.000 miglia, non molto più lontano di un volo attraverso gli Stati Uniti e certamente non abbastanza lontano da attraversare gli oceani. Secondo uno studio condotto dall’azienda di logistica DHL e dai ricercatori della Stern School of Business della New York University, “se una coppia di Paesi è distante la metà di un’altra coppia di Paesi simili, la sola maggiore vicinanza fisica dovrebbe più che triplicare gli scambi tra la coppia più vicina”.

Anche le incursioni all’estero delle aziende sono state di natura regionale piuttosto che globale. Uno studio di Fortune Global 500, che presenta un elenco delle più grandi aziende del mondo, mostra che due dollari su tre di vendite provengono dalle loro regioni d’origine. Uno studio su 365 importanti multinazionali ha dimostrato che solo nove di esse erano veramente globali, ovvero che Asia, Europa e Nord America rappresentavano almeno il 20% delle loro vendite.

Inoltre, il termine “catene di approvvigionamento globali”, spesso ripetuto, è un termine improprio. La produzione transfrontaliera di oggetti tende a essere ancora più regionale della compravendita di prodotti finiti: i pezzi che vengono assemblati nella produzione moderna hanno maggiori probabilità di essere scambiati tra Paesi vicini.

Anche i flussi internazionali di capitale non sono così globali come si pensa comunemente. Gli acquirenti transfrontalieri di azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari non investono così lontano come ci si potrebbe aspettare, data l’ampiezza delle loro opzioni, in media non più della distanza tra Tokyo e Singapore. Gli investimenti diretti esteri tendono a seguire il commercio. Più della metà di tutti i finanziamenti transfrontalieri circola esclusivamente all’interno dell’Unione Europea. Inoltre, sono le banche e le istituzioni finanziarie locali a investire più spesso nelle economie asiatiche.

Le persone tendono anche ad associare la loro vita a una particolare regione. La maggior parte non lascia mai il proprio Paese. E tra coloro che viaggiano all’estero, più della metà non lascia mai la propria regione. La stragrande maggioranza dei viaggiatori che si recano in vacanza in Europa sono proprio europei. Lo stesso vale per i residenti in Asia e in Nord America. Anche coloro che si spostano costantemente all’estero tendono a rimanere vicini al proprio Paese d’origine; molti non lasciano la propria regione. Sebbene gli studenti che si recano all’estero tendano a viaggiare più a lungo degli altri viaggiatori, il 40% non lascia la regione geografica in cui è nato.

Più della metà dei flussi internazionali di merci, denaro, informazioni e persone proviene da tre principali poli regionali: Asia, Europa e Nord America. L’ascesa economica di Cina, Corea del Sud, Taiwan e Vietnam è iniziata con investimenti e investimenti regionali. La rapida crescita dell’Europa orientale è stata guidata dal legame con l’Europa occidentale. L’economia messicana è più che raddoppiata tra il 1993 e il 2007, soprattutto grazie all’accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) raggiunto nel 1993 con Canada e Stati Uniti.

La realtà sottovalutata della regionalizzazione ha influenzato la politica statunitense. Sebbene il NAFTA sia stato rivisto nel 2020 – ora è l’Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA) – l’hub nordamericano non è ancora integrato come le sue controparti dell’Asia orientale e dell’Europa. Nei settori in cui le catene di fornitura regionali del Nord America si sono sviluppate e rafforzate, come quello automobilistico e aerospaziale, la produzione locale ha mantenuto il suo vantaggio. Ma in altri settori, come l’elettronica e il tessile, la regionalizzazione più limitata del Nord America ha portato intere industrie a spostarsi dove i collegamenti regionali hanno dato loro un vantaggio.

Idealmente, gli Stati Uniti concluderebbero accordi commerciali internazionali per espandere il proprio accesso al mercato e perseguire i propri obiettivi geopolitici, come contrastare la crescita della Cina. Al momento, tuttavia, ciò sembra politicamente impossibile. Una politica più valida sarebbe quella di rafforzare ed espandere la rete regionale degli Stati Uniti. Ciò consentirebbe a Washington di accedere a un segmento più ampio del mercato globale e di evitare di perdere ulteriormente il proprio vantaggio competitivo a vantaggio dei Paesi che stanno espandendo la propria presenza nella regione.

Perché il globalismo perde contro il regionalismo

Il motivo principale per cui le reti si stanno spostando verso le regioni è semplice: la geografia conta. Anche con le enormi navi container, il trasporto di merci attraverso gli oceani richiede tempo e denaro. Un viaggio transatlantico aggiunge una settimana al tempo di consegna e un viaggio attraverso il Pacifico aggiunge un mese al tempo di consegna prima che i pezzi o le merci arrivino nei magazzini e nelle fabbriche statunitensi. Questo significa che i produttori e i negozi devono mantenere grandi scorte di merci che arrivano da lontano.

E non è solo il carico che può essere ritardato o perso quando si commercia su lunghe distanze. Anche con le chiamate, i video e la condivisione di file virtualmente gratuiti, le difficoltà associate alla comunicazione e al coordinamento nello spazio e nel tempo possono aumentare i costi delle attività commerciali. Le differenze linguistiche e culturali variano da Paese a Paese e spesso aumentano con la distanza (questo è uno dei motivi per cui un quarto degli scambi commerciali avviene tra Paesi che parlano la stessa lingua). Anche i codici legali e le norme amministrative tendono ad essere più simili quanto più i Paesi sono vicini, eliminando la necessità di duplicare i team di avvocati, contabili e specialisti delle risorse umane. E il compito intangibile ma vitale di trovare un terreno comune e di costruire fiducia e comprensione per lavorare insieme può diventare più difficile quando la distanza tra le persone aumenta.

Anche gli accordi commerciali tendono ad essere di natura regionale. Se gli anni ’90 hanno visto la creazione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) e l’espansione dei suoi membri e dei suoi poteri di controllo, un fatto altrettanto importante degli ultimi 30 anni è stata la proliferazione di accordi di libero scambio bilaterali e multilaterali, che tendono a coinvolgere Paesi della stessa regione. I Paesi europei si sono rivolti per la prima volta gli uni agli altri per ottenere assistenza commerciale. Il Brasile si è unito ad Argentina, Paraguay e Uruguay. Dopo un accordo commerciale bilaterale con Israele, gli Stati Uniti si sono rivolti al Canada e al Messico, e poi ad altri dieci Paesi dell’emisfero occidentale. I Paesi asiatici si sono uniti attraverso l’Area di libero scambio dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico e poi il Partenariato economico globale regionale (RCEP). Accordi globali come il Comprehensive and Progressive Agreement on the Trans-Pacific Partnership (CPTPP) (il successore del patto redatto da Washington ma poi abbandonato dagli Stati Uniti) sono stati finora l’eccezione piuttosto che la regola.

Le aziende vedono differenze nei loro profitti a seconda della distribuzione geografica. Molti sono andati all’estero per aumentare i propri guadagni, sfruttando le differenze di competenze e di costi salariali tra i vari Paesi. Ma se si va troppo oltre, i costi ricominciano a salire. Nel 2010, uno studio accademico su 123 multinazionali statunitensi ha rilevato che i rendimenti delle attività aumentavano quando le aziende si espandevano a livello internazionale all’interno della propria regione, ma diminuivano quando si allontanavano dal proprio paese. Il gruppo di consulenza McKinsey & Company la definisce una “punizione per la globalizzazione” e ha scoperto, in un’indagine condotta su 500 multinazionali, che gli utili sono diminuiti con l’espansione delle operazioni. La distanza ottimale per il profitto del settore privato sembra essere la “zona Goldilocks”: non troppo vicina, ma nemmeno troppo lontana.

La regola del tre

La forza delle reti regionali a cui un Paese appartiene è quindi particolarmente importante. A questo proposito, gli Stati europei si trovano in una posizione di vantaggio. Sebbene la Brexit e il crescente euroscetticismo populista possano rendere fragile l’UE, il continente europeo è di fatto la regione più integrata al mondo. I profondi legami che avvolgono i suoi Paesi sono radicati in oltre mezzo secolo di accordi diplomatici che hanno creato un mercato unico, un passaporto comune e una moneta comune. Oggi gli europei producono beni insieme e li vendono gli uni agli altri, con quasi due terzi del commercio dell’UE che rimane all’interno dell’Unione. Allo stesso modo, gli investimenti nazionali europei superano del 50% quelli provenienti dal resto del mondo.

L’Asia non è lontana dalla sua integrazione. Secondo la Banca asiatica di sviluppo, la quota di commercio interno della regione è passata dal 45% del 1990 a quasi il 60% di oggi, superando il Nord America e avvicinandosi all’Europa. Decenni di sviluppo orientato all’esportazione, promosso dai leader dell’imprenditoria asiatica e sostenuto dai burocrati, hanno collegato paese dopo paese attraverso catene di approvvigionamento manifatturiero. I Paesi asiatici producono beni insieme e acquistano sempre più spesso gli uni dagli altri: quasi un terzo dei prodotti finiti asiatici viene venduto ai consumatori della regione.

Anche i Paesi nordamericani hanno approfondito i loro legami economici. In seguito al NAFTA, il commercio tra Canada, Messico e Stati Uniti è quadruplicato, superando quello tra questi Paesi e i Paesi esterni alla regione. Anche gli investimenti sono diventati più regionali, in particolare in Messico, dove, dalla firma del NAFTA nel 1993, un dollaro su due che entra nel Paese proviene dai Paesi vicini. In particolare, durante gli anni ’90, le catene di approvvigionamento di prodotti agricoli e di tecnologie avanzate in Nord America si sono ampliate e rafforzate, determinando un aumento del commercio regionale di oltre un quarto.

Ma questa integrazione è stata di breve durata; dopo l’ingresso della Cina nell’OMC nel 2001, gli scambi regionali sono diminuiti, passando da circa il 47% del commercio totale del continente nel 2000 a un minimo del 39% nel 2009, prima di riprendersi leggermente fino a circa il 40% nel 2018. Tuttavia, mentre i legami interni del Nord America rimangono molto meno forti di quelli dell’Asia e dell’Europa, essi superano di gran lunga quelli dell’Africa, dell’America Latina, del Medio Oriente e dell’Asia meridionale – regioni in cui meno di un quarto del commercio e degli investimenti proviene dai Paesi vicini.

Appena in tempo

Durante la pandemia COVID-19, la chiusura delle frontiere e l’aumento dei costi di trasporto hanno spinto le aziende a considerare la possibilità di spostare la produzione più vicino a casa. I governi erano improvvisamente interessati a stringere la presa sulle catene di fornitura internazionali di prodotti farmaceutici e dispositivi medici. Allo stesso tempo, la costante innovazione tecnologica ha reso più facile per il settore privato espandere la produzione in diverse aree geografiche. L’automazione, in particolare, sta rendendo gli impianti e le catene di fornitura ramificate meno vitali e meno redditizie rispetto al passato. Poiché i sensori controllano sempre più spesso le linee di assemblaggio e le attrezzature, e poiché i robot e altre forme di meccanizzazione assumono il controllo di molti processi e compiti produttivi, i salari rappresentano una parte minore dei costi operativi. Questo sviluppo ha ridotto, almeno in parte, l’attrattiva un tempo forte dei luoghi con manodopera a basso costo.

Anche i nuovi metodi di fabbricazione dei prodotti, come la produzione 3D o additiva, stanno cambiando i processi produttivi, rendendo più accessibile la produzione su piccola scala e riducendo la necessità di fabbriche specializzate. Questi progressi stanno riducendo il numero di lavoratori di cui le aziende hanno bisogno e stanno cambiando le competenze ricercate: in molti settori, i tecnici qualificati (e meglio retribuiti) sono diventati molto più importanti degli operai di linea. Questo spostamento riduce i benefici delle economie di scala, consentendo almeno ad alcune aziende di spostare la produzione più vicino ai consumatori senza sacrificare i profitti.

Anche il valore del tempo sta aumentando. Poiché i consumatori si aspettano consegne rapide e una soddisfazione quasi immediata delle loro esigenze, i lunghi tempi di consegna di beni prodotti in fabbriche distanti migliaia di chilometri possono far perdere vendite. La popolarità dei singoli prodotti rende inoltre la produzione di massa all’estero meno rilevante che in passato.

Inoltre, i cambiamenti demografici stanno facendo aumentare i bassi salari che un tempo attiravano tante aziende nei Paesi in via di sviluppo. In Cina, la grande migrazione che ha portato più di 200 milioni di lavoratori dall’entroterra ai centri produttivi è in gran parte finita. Dopo decenni di rigida pianificazione familiare, i lavoratori escono dal mercato del lavoro piuttosto che entrarvi. Questa tendenza è destinata ad accelerare: si prevede che la forza lavoro nazionale si ridurrà di 100 milioni nei prossimi 20 anni. La popolazione in età lavorativa si sta riducendo in gran parte dell’Asia, limitando le dimensioni della forza lavoro e portando a tassi salariali più elevati nell’elettronica e in altre catene di fornitura. In Europa, la popolazione in età lavorativa si sta riducendo o sembra muoversi in questa direzione. Milioni di ungheresi, rumeni e altri europei dell’Est si sono diretti verso i loro vicini occidentali in cerca di salari migliori e maggiori opportunità, mentre l’afflusso di migranti – e, più recentemente, di rifugiati – sta solo in parte aggiungendo forza lavoro.

Il cambiamento climatico è un altro fattore che inibisce la globalizzazione. Le condizioni meteorologiche estreme stanno sempre più interrompendo la logistica, poiché i porti si allagano, le rotaie crollano e le navi sono sempre più bloccate dalle tempeste. Le lunghe catene di approvvigionamento aumentano queste vulnerabilità e i costi potenziali. Nel frattempo, le politiche volte a rallentare il riscaldamento globale riducendo le emissioni stanno facendo aumentare i prezzi dei trasporti globali, incoraggiando le aziende a produrre beni più vicini ai mercati di consumo.

Il potere della politica

Non saranno solo i cambiamenti tecnologici e demografici o i cambiamenti climatici a frenare la globalizzazione, favorendo una maggiore regionalizzazione; anche i cambiamenti politici hanno un ruolo da svolgere. Dopo decenni di apertura all’economia globale, molti Paesi stanno facendo marcia indietro. Global Trade Alert, un’organizzazione no-profit che traccia e confronta le politiche commerciali da fonti ufficiali in tutto il mondo, ha calcolato che le nuove misure protezionistiche hanno superato quelle di liberalizzazione per tre volte dalla crisi finanziaria globale del 2008.

Nel frattempo, l’OMC è stata messa da parte. Non è più la sede per discutere di nuove regole commerciali. I suoi sforzi per cambiare la struttura del commercio globale sono terminati nel 2015, quando si è concluso il cosiddetto ciclo di negoziati di Doha. Gli sforzi più mirati, come i tentativi di tagliare i sussidi alla pesca nella maggior parte dei Paesi ricchi, sono falliti. Dal 2018, l’OMC non può punire i Paesi che violano le regole perché gli Stati Uniti, sotto le amministrazioni Trump e Biden, si sono rifiutati di approvare nuovi giudici per il suo organo di appello.

Al contrario, gli accordi regionali sono entrati nel commercio internazionale. L’USMCA regola le relazioni commerciali nordamericane e risolve le controversie. In Asia, il RCEP regolamenta ora gli scambi commerciali tra 15 Paesi, eliminando la maggior parte delle tariffe e unificando i requisiti per le norme di origine a favore delle catene di approvvigionamento regionali. L’accordo sull’area di libero scambio nel continente africano cerca di fare qualcosa di simile, sostituendo la confusione di norme e regolamenti bilaterali con un sistema commerciale unico, quasi continentale. Gli accordi regionali stabiliscono ora le regole per più della metà del commercio mondiale.

Le tensioni geopolitiche minacciano di frammentare ulteriormente il commercio internazionale. La competizione economica è diventata la base della rivalità tra grandi potenze. Con il ritorno in auge della politica industriale, molti Paesi, tra cui gli Stati Uniti, stanno erigendo barriere protezionistiche. Il governo ha designato semiconduttori, batterie ad alta capacità, prodotti farmaceutici e decine di minerali critici come beni vitali per la sicurezza nazionale. Ora sta spendendo decine di miliardi di dollari per ampliare le scorte, costruire capacità produttive in patria e nei Paesi amici e ricostruire le catene di approvvigionamento globali in questi settori identificati. I Paesi di tutto il mondo stanno elaborando le proprie regole, alcune delle quali aggiungono flussi di informazioni e dati, frammentando il flusso transfrontaliero di servizi. Mentre i governi si adoperano per modificare l’ambiente commerciale in un numero crescente di settori, chiedono esplicitamente o implicitamente ad altri Paesi di scegliere una parte o l’altra attraverso i controlli sulle esportazioni e altri meccanismi. Questo limiterà ulteriormente i collegamenti internazionali.

L’esigenza di riorientare prodotti e servizi critici è quasi universale. Ma la maggior parte dei Paesi scoprirà che, ad eccezione di alcuni prodotti particolarmente sensibili o vitali, le aziende non possono o non vogliono riportare la produzione in patria. Quelli che ci provano hanno maggiori probabilità di fallire a causa dell’aumento dei costi e dell’inadeguatezza dell’innovazione. Lo scenario più probabile è che le multinazionali abbandonino le catene di approvvigionamento globali a favore di catene regionali corte. Nei prossimi decenni sarà la regionalizzazione, e non la globalizzazione, a guidare l’agenda aziendale.

Il vantaggio dell’America

Molti di questi cambiamenti tecnologici, demografici e politici favoriscono gli Stati Uniti. La diminuzione dell’importanza dei salari a basso costo e il ruolo crescente della manodopera qualificata dovrebbero favorire i lavoratori americani meglio retribuiti. Un tesoro di proprietà intellettuale e di beni immateriali, tra cui diverse nuove tecnologie che trasformano i posti di lavoro, consentirà a molte aziende statunitensi di trarre enormi vantaggi. Abbondanti finanziamenti significano più scoperte, più brevetti e più prodotti. Gli Stati Uniti vantano inoltre leggi e regimi normativi chiari – motivo per cui molti investitori preferiscono azioni e obbligazioni emesse secondo la legge di New York – e un ambiente imprenditoriale generalmente favorevole. Per tutti questi motivi, l’economia statunitense dovrebbe avere successo in questa prossima fase di globalizzazione.

Tuttavia, i vantaggi di Washington non sono immutabili. Anche altri Paesi stanno investendo nell’istruzione, nella ricerca e nello sviluppo e promuovono le proprie tecnologie e i propri leader aziendali nazionali. Inoltre, il prossimo miliardo di nuovi acquirenti di automobili, vestiti e computer sarà in Asia, dove la classe media sta crescendo più rapidamente che in qualsiasi altra regione. Per trarre vantaggio da questa crescita, le multinazionali e gli esportatori statunitensi dovranno adattarsi.

Per competere efficacemente, gli Stati Uniti devono riformare il proprio sistema interno per prendersi cura dei propri cittadini e preparare i lavoratori a un futuro economico più fluido e instabile. A tal fine sarà necessario ampliare le reti di sicurezza sociale, garantire i diritti dei lavoratori e migliorare le opportunità di istruzione per accrescere le competenze degli americani. Anche le infrastrutture nazionali devono essere modernizzate per ridurre i costi logistici che gravano sulle merci prodotte in America. I 1.200 miliardi di dollari stanziati nell’ambito dell’Infrastructure Investment and Jobs Creation Act 2021 per migliorare strade, ponti, reti elettriche e banda larga sono un buon inizio. A questo dovrebbe seguire un aumento della spesa pubblica per la scienza di base, la ricerca e lo sviluppo, che porterà a una scienza e a una tecnologia all’avanguardia.

Oltre a fare ordine in casa propria, gli Stati Uniti hanno bisogno di un approccio più strategico al commercio. Uno dei problemi del Paese è la diminuzione della competitività dei prezzi delle sue esportazioni in un numero crescente di mercati internazionali. I Paesi in cui gli Stati Uniti hanno un accesso preminente rappresentano meno del 10% del PIL mondiale e pochi di essi sono tra i mercati in più rapida crescita. Con la stipula e l’adesione di altri Paesi agli accordi commerciali, il valore delle esportazioni statunitensi è aumentato in termini relativi. Grazie al RCEP, le auto assemblate in Giappone e Corea del Sud non sono più soggette alle tariffe a due cifre che le alternative prodotte negli Stati Uniti devono ancora affrontare nella regione, e l’acciaio, i prodotti chimici e i macchinari cinesi sono soggetti a dazi inferiori rispetto alle opzioni prodotte negli Stati Uniti.

In un mondo ideale, gli Stati Uniti perseguirebbero un programma commerciale solido e completo. L’adesione al CPTPP, la rinegoziazione del Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti, che collegherebbe i mercati degli Stati Uniti e dell’Unione europea, e il rilancio dell’OMC aprirebbero più mercati per i beni e i servizi statunitensi e rafforzerebbero modi più trasparenti, equi e rispettosi dell’ambiente di fare affari. Gli Stati Uniti farebbero bene anche a riconquistare la loro leadership negli organismi internazionali di definizione degli standard, ripristinando il loro tradizionale ruolo di legislatore e non solo di legislatore.

Ma finché gli Stati Uniti non cambieranno la loro politica commerciale, nulla di tutto ciò potrà accadere. Nel frattempo, Washington potrebbe trarre beneficio dal contatto con i suoi vicini. Canada e Messico hanno scelto di accedere a molti mercati globali in cui gli Stati Uniti dominano incontrastati. I rispettivi portafogli di accordi di libero scambio coprono circa 1,5 miliardi di consumatori, che rappresentano quasi il 60% del PIL mondiale. Il collegamento alle catene di approvvigionamento manifatturiero canadesi o messicane potrebbe offrire ai produttori statunitensi e ai produttori di componenti un accesso preferenziale ai consumatori globali che attualmente non hanno. Ad esempio, le auto di produzione messicana vendute in Europa aggirano la tariffa del 10% imposta ai modelli di produzione statunitense, riducendo il prezzo di listino di circa 3.000 dollari per la Ford Focus e di oltre 4.000 dollari per l’Audi Q5, rendendo difficile la concorrenza delle case automobilistiche statunitensi. Il contrario è vero per i produttori di componenti negli Stati Uniti: le fabbriche messicane possono rifornirsi fino al 40% dei loro modelli per l’Europa da fornitori di Paesi che non fanno parte dell’accordo. Ciò significa che le auto importate di produzione messicana vendute in Francia o in Germania danno lavoro anche alle fabbriche statunitensi.

Nel mondo odierno, sempre più regionalizzato, le esportazioni diventano più competitive quando i Paesi producono insieme. Il successo commerciale internazionale della Germania è in gran parte dovuto ai suoi legami produttivi regionali. Localizzando fabbriche e impianti di produzione in tutta l’Europa orientale, le aziende private tedesche – il famoso Mittelstand – hanno rafforzato la base manifatturiera del Paese e creato posti di lavoro in patria grazie al successo dei loro prodotti sui mercati globali. Anche l’impressionante crescita delle esportazioni e il dinamismo della Cina sono dipesi in larga misura dal suo inserimento nelle catene di approvvigionamento regionali.

Se gli Stati Uniti vogliono aiutare le loro aziende a replicare questi successi, hanno bisogno di un approccio regionale. La regionalizzazione offre un vantaggio competitivo che un paese, anche se grande e ricco come gli Stati Uniti, non è in grado di eguagliare da solo. Per realizzare prodotti di qualità, convenienti e veloci come quelli della concorrenza, le aziende statunitensi devono essere in grado di rifornirsi di componenti da molte località e di svolgere alcune attività e processi in altri Paesi.

Una strategia commerciale regionale aiuterà anche a far rimanere più posti di lavoro nel continente – e quindi negli Stati Uniti. Quando una parte della produzione si trova in Canada o in Messico, i fornitori statunitensi hanno maggiori probabilità di mantenere o ottenere contratti e di rimanere in attività rispetto a quando la produzione si sposta all’estero. E quando gli ordini crescono, crescono anche i posti di lavoro lungo la catena di fornitura. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico stima che, in media, quasi il 40% del valore delle importazioni statunitensi dal Messico viene creato negli Stati Uniti. Per il Canada, la percentuale è di poco superiore al 25%. Per contro, gli Stati Uniti importano dal resto del mondo in media solo il 4,4%, a testimonianza del fatto che pochi fornitori statunitensi partecipano al processo di produzione globale.

Per migliorare la regionalizzazione del Nord America, il continente deve migliorare le sue infrastrutture di collegamento. Ciò significa aggiungere valichi di terra, migliorare le autostrade per il trasporto da e verso il confine, espandere le linee ferroviarie e i magazzini e investire in personale e tecnologia per il personale e il supporto dei porti d’ingresso. Con collegamenti più veloci e costi logistici più bassi, i produttori del Nord America possono produrre prodotti più competitivi sul mercato globale.

Quando parti e componenti si spostano tra i tre Paesi, i lavoratori devono essere in grado di seguirli. Per rendere la regione nel suo complesso più produttiva, sono necessari percorsi di migrazione legale del lavoro più numerosi e più semplici, che richiedano carte d’identità, licenze e diplomi trasferibili, visti per affari e percorsi di migrazione a lungo termine. Un coordinamento più stretto nel campo dell’istruzione e della formazione può contribuire a colmare le lacune in termini di competenze e a migliorare le condizioni di lavoro per garantire la continua crescita della popolazione nordamericana, che è già un punto luminoso per la regione. Gli scambi educativi, l’apprendimento delle lingue, la formazione transfrontaliera e i programmi di sviluppo delle competenze possono contribuire a creare una forza lavoro continentale in grado di attrarre nuove imprese e investimenti. L’inasprimento delle barriere migratorie non farà altro che indurre un maggior numero di imprese a partire per altri Paesi.

E mentre il governo statunitense persegue politiche industriali volte ad aumentare la resilienza e l’accesso a molte catene di approvvigionamento critiche, i suoi vicini possono aiutarlo. La diversificazione geografica può compensare i rischi che disastri naturali e incidenti comportano per le scorte e la capacità produttiva. La produzione regionale può ridurre l’onere finanziario pubblico dei sussidi, poiché è più probabile che i prodotti siano di qualità superiore e a costi inferiori se si utilizza una rete transfrontaliera di fornitori.

Il commercio regionale nordamericano si è ripreso, anche se leggermente, dal minimo del 2009 di soli 39 centesimi di dollaro, grazie all’espansione delle catene di fornitura di prodotti tessili, attrezzature e prodotti. Ma nessun leader nordamericano sta dando priorità al futuro commerciale del continente. Il Messico si sta ripiegando su se stesso e il nazionalismo in materia di energia e risorse naturali minaccia la sua base produttiva. Il Canada cerca di diversificare i suoi legami commerciali internazionali, beneficiando di accordi commerciali con il Regno Unito e l’Unione Europea, nonché in Asia come membro del CPTPP. L’amministrazione Biden è guidata dall’ennesimo ritornello, ricorrente ma infondato, secondo cui il NAFTA e altri accordi commerciali danneggiano anziché aiutare i lavoratori americani. Si tratta di un errore: la maggior parte degli studi che confutano il NAFTA non tiene conto dei posti di lavoro più remunerati orientati all’esportazione che derivano da condizioni più favorevoli nei due principali mercati di esportazione degli Stati Uniti. Inoltre, non tengono conto del fatto che i costi di produzione più bassi in Nord America hanno sostenuto industrie come quella automobilistica, consentendo loro di prosperare di fronte alla concorrenza globale dei prezzi delle automobili prodotte in altri centri regionali concorrenti.

Grazie all’integrazione, è possibile creare un’economia nordamericana più competitiva. Tre decenni di commercio più libero, l’esistenza di complesse catene di approvvigionamento in settori specifici e diffusi legami transfrontalieri tra comunità e lavoratori a causa dello spostamento di decine di milioni di persone possono essere intensificati e ampliati. Ma una regionalizzazione più profonda e sostenibile richiederà anche un cambiamento di mentalità. Sarà necessario riconoscere che la classe media e operaia degli Stati Uniti trarrebbe maggiori benefici dalla partecipazione all’economia globale piuttosto che dal ripiegamento sul mercato interno. Gli americani potrebbero ottenere più posti di lavoro, profitti e sicurezza finanziaria se il loro Paese decidesse di accettare l’offerta: una fetta della grande e crescente torta economica.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Fonte: Idee&Azione

8 luglio 2022

Il mito della globalità
Il mito della globalità

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: