Dromocrazia. Velocità come potenza

di Aleksandr Dugin

Nel mondo di oggi, la velocità gioca un ruolo fondamentale. In tutto. Nella SMO abbiamo scoperto che anche in guerra, nella guerra moderna, è uno dei fattori chiave. Molto, o quasi tutto, dipende dalla tempestività con cui si riesce a ottenere informazioni, a comunicarle al comandante di un’unità di tiro, a prendere la decisione di colpire e a cambiare prontamente il luogo in cui sono stati appena posizionati i mezzi di tiro. Da qui l’enorme ruolo degli UAV e dei droni, delle comunicazioni satellitari, del tempo di trasmissione delle coordinate del nemico, della mobilità delle unità di combattimento e della velocità di comunicazione degli ordini all’esecutore. È chiaro che questo aspetto è stato sottovalutato nei preparativi e ora dobbiamo rimediare in un ambiente critico.

Allo stesso modo, abbiamo sottovalutato la nostra dipendenza dall’Occidente per la tecnologia digitale, i chip e la produzione di precisione. Prepararsi a un confronto frontale con la NATO e allo stesso tempo affidarsi a elementi tecnologici sviluppati e prodotti nei Paesi della NATO o in Stati dipendenti dall’Occidente non è prova di grande intelligenza.

Tuttavia, ora non tratterò della dipendenza dall’Occidente, bensì del fattore velocità. Il filosofo francese Paul Virillot, che ha studiato l’importanza della velocità per la civiltà tecnica moderna, ha proposto un termine speciale: dromocrazia. Dal greco dromos (velocità) e kratos (forza, potenza). La teoria di Virillo si basa sull’affermazione che nelle nuove condizioni di civiltà non vince chi è più forte, più intelligente o meglio equipaggiato, ma chi è più veloce. È la velocità a decidere tutto. Da qui il desiderio di aumentare con ogni mezzo la velocità dei processori e, di conseguenza, di tutte le operazioni digitali. Questo è il fulcro della maggior parte delle riflessioni sull’innovazione tecnica oggi, tutti competono proprio nella velocità.

Il mondo di oggi è una lotta per la velocità e chi si dimostra più veloce vince il premio finale: il potere. In tutte le sue accezioni e dimensioni: politico, militare, tecnologico, economico, culturale.

Nel frattempo, nella struttura della dromocrazia, la cosa più preziosa è l’informazione. La velocità di trasmissione delle informazioni è l’espressione concreta del potere e questo vale sia per il funzionamento delle borse mondiali che per la conduzione della guerra. Chi è in grado di fare qualcosa più velocemente ottiene un potere completo su chi esita.

Allo stesso tempo, la dromocrazia, come strategia scelta consapevolmente, cioè come tentativo di dominare il tempo in quanto tale, può anche portare a strani effetti. Il fattore futuro entra in gioco. Da qui il fenomeno delle operazioni a termine e dei relativi fondi di copertura, nonché di altri meccanismi finanziari di natura simile, in cui le transazioni principali riguardano qualcosa che non esiste ancora.

L’ideale della dromocrazia mediatica sarebbe quello di essere i primi a riferire su un evento che non è ancora accaduto, ma che molto probabilmente sta per accadere. Non è solo finzione, è lavorare con il regno del possibile, del probabile, del pro-babile. Se consideriamo un probabile evento futuro come qualcosa di già accaduto, guadagniamo tempo e quindi potere. Un’altra cosa è che potrebbe non accadere. Sì, ed è possibile, ma a volte il fallimento dell’aspettativa è acritico e, al contrario, una previsione confermata, presa come un fatto compiuto in anticipo, offre enormi vantaggi.

Questa è l’essenza della dromocrazia: l’elemento tempo non è molto semplice e chi riesce a sottometterlo ottiene il potere globale totale. Nello sviluppo delle supervelocità, la realtà stessa viene deformata ed entrano in gioco le leggi della fisica non classica, anticipate dalla teoria della relatività di Einstein e in misura ancora maggiore dalla fisica quantistica. Le velocità massime modificano le leggi della fisica, ed è in questo ambito che, secondo Virillo, si svolge oggi la lotta planetaria per il potere.

Teorie simili si trovano nel regno più applicato e meno filosofico della guerra centrata sulla rete ed è proprio questo tipo di guerra centrata sulla rete che abbiamo incontrato nel corso della SMO in Ucraina. La caratteristica principale di una guerra di questo tipo è il rapido trasferimento di informazioni tra le singole unità e i centri di comando. A tal fine, i soldati e le altre unità di combattimento sono dotati di più telecamere e altri sensori, le cui informazioni convergono verso un unico punto. A questo si aggiungono i dati provenienti da elicotteri, UAV e satelliti. Sono integrati direttamente con le unità di combattimento e di tiro e questa completa integrazione di rete fornisce il vantaggio più importante: quello della velocità. È così che operano gli HIMARS, i gruppi tattici mobili e i DRG. A questo scopo sono state utilizzate anche le comunicazioni satellitari Starlink.

Le teorie della guerra centrata sulla rete riconoscono che la velocità del processo decisionale spesso va a scapito della giustificazione. Ci sono molti errori di calcolo, ma se agite rapidamente, anche se avete commesso un errore, c’è sempre tempo per correggerlo. In questo caso viene utilizzato il principio dell’hacking o degli attacchi DoS: l’obiettivo principale è quello di colpire l’intera posizione delle truppe nemiche, alla ricerca di punti deboli, di una porta sul retro. Le perdite possono essere piuttosto elevate, ma i risultati, se si riesce, sono piuttosto significativi.

Inoltre, la guerra centrata sulla rete include come componente integrante i canali aperti di informazione, in primo luogo le reti sociali. Non si limitano ad accompagnare la condotta delle ostilità, comunicando, ovviamente, solo ciò che è vantaggioso e ciò che non lo è, nascondendo o distorcendo oltremodo, ma operano anche con un futuro probabilistico. Ancora il principio della dromocrazia. Ciò che oggi percepiamo come falso non è altro che il sondaggio e la stimolazione artificiale di un possibile futuro. Molti falsi si rivelano vuoti, così come i tentativi di superare le difese di hacking sono spesso inutili, ma a volte raggiungono il loro obiettivo – e allora il sistema può essere dirottato e soggiogato.

La dromocrazia nella sfera politica permette di deviare dalle rigide regole ideologiche. Nello stesso Occidente, ad esempio, il razzismo e il nazismo non sono, per usare un eufemismo, apertamente incoraggiati, ma un’eccezione viene fatta nel caso dell’Ucraina e di alcune altre società orientate alla difesa degli interessi geopolitici dell’Occidente. Il nazismo anti-russo e la russofobia stanno fiorendo lì, ma l’Occidente stesso non se ne accorge, evitandolo abilmente. Il fatto è che per la rapida costruzione della nazione dove non è mai esistita, e quando ci sono di fatto due popoli su un territorio, non si può fare a meno del nazionalismo. Per farlo il più rapidamente possibile, sono necessarie forme estreme, tra cui il nazismo e il razzismo veri e propri. Anche in questo caso si tratta di una questione di dromocrazia. È necessario creare rapidamente un simulacro di nazione. A questo scopo, si prende un’ideologia radicale, tutte le immagini e i miti sul proprio eccezionalismo, anche i più ridicoli, e tutto questo viene rapidamente messo in pratica (con il pieno controllo della sfera dell’informazione, alla fine le società occidentali semplicemente non se ne accorgono).

Quello che segue è una propaganda altrettanto accelerata di queste idee, che non hanno nulla a che fare con la democrazia liberale occidentale. Ciò che segue è la guerra, e gli aggressori sono rappresentati come vittime e i salvatori come carnefici. L’importante è controllare le informazioni e se tutto va secondo i piani dei globalisti, segue una rapida risoluzione, dopo la quale le stesse strutture neonaziste vengono altrettanto rapidamente eliminate. Quasi la stessa cosa che abbiamo visto in Croazia durante la dissoluzione della Jugoslavia. Prima l’Occidente aiuta i nazisti croati – i neo-ostascia – e li arma contro i serbi, poi li ripulisce a sua volta in modo che di loro non rimanga traccia. L’importante è fare tutto molto, molto velocemente. Il neonazismo è apparso rapidamente, ha svolto rapidamente il suo ruolo ed è scomparso rapidamente, come se non fosse mai accaduto.

È proprio questo il segreto di Zelensky. Il comico mercuriale non è stato scelto come capobanda per caso. La sua psiche è volatile e incline a rapidi cambiamenti. Il politico perfetto per una società fluida. Un momento dice e fa una cosa, il momento dopo fa qualcosa di completamente diverso e nessuno ricorda cosa è successo un secondo fa, dato che la velocità del flusso di informazioni è in costante aumento.

In questo contesto, che aspetto abbiamo? Non appena abbiamo iniziato ad agire in modo rapido, deciso e quasi spontaneo (la prima fase della SMO), sono seguiti enormi successi. Quasi metà dell’Ucraina è sotto il nostro controllo.

Non appena abbiamo iniziato a rallentare le operazioni, l’iniziativa è passata al nemico. È qui che si è scoperto che la natura network-centrica della guerra moderna e le leggi della dromocrazia non erano state tenute in debito conto. Non appena abbiamo assunto un atteggiamento reattivo, passando alla difesa e alla difesa, abbiamo perso il fattore velocità. Sì, le vittorie ucraine sono per lo più virtuali, ma in un mondo in cui la coda scodinzola, in cui quasi tutto è virtuale (comprese le finanze, i servizi, le informazioni, ecc.), questo non è sufficiente. L’aneddoto dei due paracadutisti russi sulle rovine di Washington che si lamentano – “abbiamo perso la guerra dell’informazione” – è divertente, ma ambiguo. In fondo è anche qualcosa di virtuale, un tentativo di codificare pro-babilisticamente il futuro. Quando si tratta di verificare la realtà, tuttavia, non tutto è così semplice. Qui bisogna o far crollare tutta la dromocrazia, la virtualità, tutta la postmodernità network-centrica, cioè tutta la modernità e l’intero vettore dell’Occidente moderno (ma come si può fare in una volta sola?), oppure accettare – anche se in parte – le regole del nemico, cioè accelerare noi stessi. La domanda se noi russi saremo in grado di entrare nel regno della dromocrazia e di imparare a vincere guerre centrate sulle reti (anche informatiche!) non è un’astrazione. La nostra vittoria dipende direttamente da questo.

Per questo dobbiamo innanzitutto comprendere – in modo russo e patriottico – la natura del tempo. Quanto lentamente capiamo tutto, quanto siamo arretrati e quanto siamo lenti nel metterlo in pratica – sembra persino smentire il proverbio secondo cui “i russi impiegano molto tempo per imbrigliare, ma vanno veloci”. È proprio questo il momento in cui, se non ci muoviamo molto velocemente, la situazione potrebbe diventare molto pericolosa.

Prima lo facciamo, prima lo risolviamo. Non sto nemmeno parlando di dotare i nostri soldati di attributi di rete, di accelerare il processo di comando e di introdurre misure efficaci di sicurezza informatica, ma è semplicemente necessario essere alla pari con un nemico ben equipaggiato. E ancora: se la speculazione sul prezzo delle uniformi minime per i mobilitati non è stata immediatamente seguita da una rapida ondata di rappresaglie dirette da parte delle autorità, è un pessimo segno. Qualcuno al potere immagina che ci stiamo ancora imbrigliando, anche se stiamo già correndo a tutta velocità. È una cosa urgente su cui riflettere. Altrimenti, potremmo precipitare, come posso dire delicatamente… un po’ nella direzione sbagliata.

La dromocrazia non è uno scherzo. Non si tratta di superare l’Occidente. Dovrebbe essere travolta dalla sua vertiginosa arroganza, ma per farlo dobbiamo agire con velocità fulminea e in modo sensato. La Russia non ha più né il diritto né il tempo di assopirsi e di lasciarsi andare.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Fonte: Idee&Azione

18 ottobre 2022

Dromocrazia. Velocità come potenza
Dromocrazia. Velocità come potenza

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: