Siria-Hamas, riconciliazione apre nuova era per l’Asse della Resistenza

a cura di Il Faro sul mondo

La normalizzazione delle relazioni tra Hamas e la Siria può rappresentare una svolta strategica di grande dimensioni per l’Asse della Resistenza. Tenendo presente che il governo siriano è attualmente in una posizione militare superiore grazie alla riconquista di molte aree occupate per anni dai terroristi ed è in una certa misura sollevato dalla crisi interna, può svolgere un ruolo importante nell’Asse della Resistenza. Prima della crisi, la Siria era il più grande nemico di Tel Aviv, e quindi il miglioramento delle relazioni di Hamas con il governo siriano può rafforzare l’Asse contro gli israeliani.

Nell’ultimo decennio, il regime israeliano ha approfittato del divario tra Hamas e Damasco ed è stato in grado di proteggere in una certa misura la sua sicurezza coinvolgendo i rami della Resistenza in alcune crisi, ma ora le condizioni sono cambiate e i rami della Resistenza sono al massimo livello di capacità mentre intensificano la loro cooperazione. Con l’aiuto reciproco, hanno stretto il laccio contro il loro nemico israeliano. Poiché la situazione in Cisgiordania sta esplodendo a causa dei frequenti raid israeliani e secondo i funzionari israeliani è probabile un’Intifada da un momento all’altro, il rafforzamento delle relazioni tra i gruppi di Gaza e il governo siriano può costringere Tel Aviv a ritirarsi. In caso di conflitto nei territori occupati, questa volta il campo della Resistenza agirà a pieno regime.

Posizione strategica della Siria
La Siria condivide i confini con i territori palestinesi occupati e se dovesse scoppiare una guerra, Damasco fornirebbe ai palestinesi supporto militare e logistico. Inoltre, con l’attivazione del fronte occupato del Golan, la Siria sarà collegata alla Cisgiordania. Se la Resistenza in Cisgiordania, che negli ultimi mesi è stata il principale terreno di crescita dei gruppi armati anti-israeliani, sarà rafforzata, le pressioni su Tel Aviv aumenteranno e la spingeranno in un cordone di sicurezza.

La ripresa delle relazioni è un grande risultato anche per il governo siriano. Negli ultimi anni, la Siria è stata oggetto di continui attacchi aerei israeliani e ora i leader siriani possono reagire sostenendo Hamas. Dopotutto, più Gaza e la Cisgiordania sono forti, più Israele si concentra sulle minacce interne.

Il coinvolgimento di Israele all’interno dei propri confini consente alla Siria di affrontare i suoi affari interni più comodamente e allo stesso tempo ricostruire le sue capacità di difesa, poiché l’esercito siriano è già al massimo livello di preparazione e quindici giorni fa ha organizzato esercitazioni militari su larga scala lanciando un avvertimento agli israeliani: la Siria di oggi non è la Siria colpita dalla crisi dell’ultimo decennio ed è pronta a difendere la sua integrità territoriale.

Asse della Resistenza non abbandonerà nazione palestinese
Hamas è consapevole che Iran, Siria ed Hezbollah non abbandoneranno il sostegno alla nazione palestinese anche nei momenti più critici e continueranno a sostenere senza alcuna aspettativa. Questo ritorno di Hamas porta un avvertimento agli sceicchi arabi: se abbracceranno ulteriormente Israele, saranno soggetti all’ira della Resistenza. Di conseguenza, gli israeliani perderanno il loro senso di immunità perché in ogni angolo dell’Asia occidentale sentiranno l’ombra della Resistenza su di loro.

Fino allo scorso decennio, Israele sentiva una minaccia solo dal triangolo Iran-Siria-Hezbollah, ma ora l’Asse della Resistenza è cresciuto e copre l’intera regione mentre nuovi gruppi iracheni, yemeniti e palestinesi sono nati, formando un asse esagonale. Ciascuno di questi gruppi ora può affrontare Israele in modo indipendente e concludere uno scontro a proprio vantaggio. Ad esempio, il movimento Ansarullah dello Yemen, che negli ultimi otto anni ha contrastato la coalizione araba a guida saudita in una guerra impari, è ora così abile militarmente da terrorizzare i leader di Tel Aviv. Ansarullah ha più volte avvertito che se gli israeliani continuano il loro coinvolgimento nello Yemen meridionale, prenderanno di mira i territori occupati con i loro missili.

Fonte: IlFarosulMondo

Siria-Hamas, riconciliazione apre nuova era per l’Asse della Resistenza
Siria-Hamas, riconciliazione apre nuova era per l’Asse della Resistenza

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: