La Russia sta vendendo il suo petrolio fuori dall’Europa

a cura di Press TV Français

Sabato la Russia ha detto che non accetterà il tetto previsto per il prezzo del petrolio dell’Unione Europea per limitare i mezzi di Mosca per finanziare la guerra in Ucraina.
I funzionari russi hanno condannato un cosiddetto “price cap” del petrolio russo, insistendo sul fatto che il petrolio russo continuerà a essere venduto ai mercati fuori dall’Europa.
“Da quest’anno, l’Europa vivrà senza petrolio russo”, ha twittato sabato Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna.
“Mosca ha già chiarito che non fornirà petrolio ai Paesi che sostengono [il] tetto dei prezzi anti-mercato”, ha aggiunto.
L’ambasciata russa a Washington ha notato in una dichiarazione rilasciata sabato 3 dicembre che i funzionari del paese erano “convinti che il petrolio russo avrebbe continuato a essere chiesto. “
Venerdì 2 dicembre, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha dichiarato che l’UE avrebbe approvato il limite del prezzo del greggio russo trasportato via mare a 60 dollari al barile. Detto questo, assicuratori e intermediari, che servono carrarmati che trasportano carburante russo, rischieranno di essere puniti se supereranno il limite di prezzo fissato da Bruxelles.
“L’accordo UE sul limite dei prezzi del petrolio… taglierà drasticamente le entrate della Russia”, ha detto in un discorso venerdì, prima di sottolineare che la decisione “contribuirebbe anche a stabilizzare i prezzi globali dell’energia, a vantaggio delle economie emergenti di tutto il mondo.
Dall’altra parte, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto ai francesi sabato di non cedere al “panico” su possibili interruzioni di corrente quest’inverno, sottolineando che il governo sta lavorando ad uno “scenario estremo” che, secondo lui, è tutto abbastanza evitabile.
“Innanzitutto voglio cercare di chiarire le cose: niente panico! “”, ha notato. “C’è un lavoro legittimo che sta facendo il governo per prepararsi ad un caso estremo che in realtà richiede interruzioni di corrente per qualche ora al giorno, se dovessimo mancare. ” “
‘È normale che il governo prepari un caso estremo perché gli ultimi anni ci hanno dimostrato, a volte accade l’impensabile… e quindi spetta al governo, in concomitanza con tutti gli attori competenti, preparare questi scenari per consentire al Paese di non essere allo sbando completo”, ha proseguito il capo dello stato francese.
Tuttavia, i funzionari del governo francese hanno avvertito che le interruzioni di corrente sarebbero avvenute quando la rete elettrica sarebbe stata troppo impegnativa, in caso di combinazione di clima insolitamente freddo, problemi persistenti negli Stati Uniti. Centrali nucleari francesi e incapacità di acquistare energia elettrica aggiuntiva nei paesi vicini.
Giovedì 1 dicembre, il capo gestore della rete elettrica francese RTE ha detto che la Francia potrebbe affrontare “pochi giorni” di interruzioni di corrente.
Nel frattempo, le autorità francesi di tutto il paese sono state incaricate di preparare soluzioni di emergenza in caso di interruzioni di corrente nella loro regione.
In particolare, le famiglie con pazienti ad alto rischio che si affidano a attrezzature mediche domestiche saranno colpite da potenziali interruzioni di corrente.
Il Dipartimento dell’Istruzione deve elaborare piani per chiudere le scuole se la regione deve essere colpita da interruzioni di corrente. L’apertura delle scuole durante le interruzioni di corrente potrebbe avere ripercussioni negative, vista la mancanza di riscaldamento, allarme e illuminazione.
Nel frattempo, per peggiorare le cose quest’inverno, il governo francese ha deciso di tagliare i sussidi nazionali per il carburante a dicembre.
Nel frattempo, l’aumento dei prezzi del carburante tra gli avvertimenti di interruzioni di corrente ha spinto molti a iniziare a bruciare legna da ardere in inverno.
I fornitori di legna da ardere avvertono ora che con un forte aumento delle famiglie sul mercato, quest’inverno non ci sarà abbastanza legna per tutti.
Nel 2019, secondo un rapporto del Comitato Nazionale per lo Sviluppo del Legno, in Francia c’erano “tra 7,5 e 8 milioni di nuclei familiari che hanno installato riscaldatori a legna (loghi e pellet misti)”.
Tuttavia, nel 2022, l’Agenzia per la gestione dell’ambiente e dell’energia (ADEME) ha dichiarato che 9,5 milioni di nuclei familiari stavano utilizzando la legna da ardere, avvertendo che il numero di nuclei familiari che bruciano legna da ardere sarebbe aumentato nonostante i danni ambientali.
Una richiesta senza precedenti di legna da ardere
Gérard Fellous, direttore di Quality-b érches, ha detto a Figaro: “ADEME ha promuovuto fortemente il riscaldamento a pellet nelle ultime settimane. Ma questo ha provocato un notevole aumento dei prezzi del legname, i prezzi del pellet sono triplicati negli ultimi sei mesi, portando ad un aumento dei grumi e dei nostri costi. “
Fellous ha anche riferito che il costo del legno grezzo è aumentato del 20%, costringendo i produttori a trasferire il costo sui propri clienti. “Ho visto tre aumenti dall’inizio dell’estate, dovuti unicamente all’impatto dei prezzi [in rialzo] dei fornitori. “
E fa notare che la domanda è iniziata all’inizio di luglio di quest’anno, quando di solito non inizia fino all’autunno.
“Pubblicità”, ha detto, “Ricevo 100 chiamate al giorno, che invio direttamente alla segreteria telefonica. ” “Non è mai successo, non si è mai visto. “
Julian, un fornitore di legna da ardere, ha anche detto di non aver mai visto una tale richiesta in vita sua. Ha detto che riceve 40 chiamate al giorno, rispetto a solo cinque normalmente: “Spero che l’inverno non sia rigoroso, altrimenti sarà molto complicato. “”
Ha iniziato a limitare la quantità di forniture che possono vendere a persona. Patrick Helb, venditore di legname a Moselle, ha detto: “Non ci sono più scorte da nessuna parte, sto conservando le mie scorte per i miei clienti abituali, e spero che durino fino alla fine dell’inverno. ” “
Un metro cubo di legno di solito si vende tra i 55 e i 57€ l’uno, ma ora Helb li vende tra i 60 e i 65€.
Questo segue una modifica alle normative sulla vendita di legna da ardere il 1° settembre, che impone ai venditori di fornire ai clienti informazioni sulla loro legna da ardere, tra cui carburante, lunghezza, quantità e livelli di umidità. A partire da settembre 2023, tronchi inferiori a due metri dovranno essere solo legna secca. Da qui la possibilità di ulteriori carenze in futuro, visto che 18-24 mesi ci vogliono per asciugare completamente la legna da ardere.

La Russia sta vendendo il suo petrolio fuori dall'Europa
La Russia sta vendendo il suo petrolio fuori dall’Europa

Pubblicato da vincenzodimaio

Estremorientalista ermeneutico. Epistemologo Confuciano. Dottore in Scienze Diplomatiche e Internazionali. Consulente allo sviluppo locale. Sociologo onirico. Geometra dei sogni. Grafico assiale. Pittore musicale. Aspirante giornalista. Acrobata squilibrato. Sentierista del vuoto. Ascoltantista silenziatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: